ISPLAD
ISPLADISPLAD
HOMEPAGE > Trattamenti dermoplastici
di Francesco Antonaccio

Trattamenti di biorivitalizzazione cutanea
di Francesco Antonaccio
In questo articolo approfondiamo le tecniche di biorivitalizzazione che, in quanto trattamenti “soft” (non richiedono di interrompere le normali attività quotidiane), ben si adattano ad essere inseriti in programmi globali di ringiovanimento della cute che lo specialista dermatologo plastico può eseguire a livello ambulatoriale o presso un centro benessere termale.
La metodica consiste nell’iniettare, mediante aghi sottilissimi, e quindi con sensazione dolorosa scarsa o nulla, a livello del derma superficiale, sostanze perfettamente biocompatibili e totalmente riassorbibili che abbiano una funzione non solo di riequilibrio della normale fisiologia, ma anche di stimolo e riattivazione della parte più vitale della cute, il derma papillare o superficiale; esso, infatti, è ricco di vasi sanguigni (è da qui che, per diffusione, arriva il nutrimento e l’ossigeno all’epidermide) e cellule, tra cui i fibroblasti deputati alla produzione di fibre collagene ed elastiche e dei glucosaminoglicani, molecole che vanno a formare la sostanza fondamentale intercellulare del tessuto dermico.
Tra i glucosaminoglicani, il principale è l’acido ialuronico, un polisaccaride capace di legare a sè, come una spugna, grandi quantità di acqua: è la molecola responsabile dell’idratazione e del turgore cutaneo tipici della cute giovane. Inoltre la sua presenza è fondamentale per la stabilizzazione della rete di fibre collagene ed elastiche immerse nella sostanza intercellulare, per gli scambi metabolici, per i processi di riparazione e di rimodellamento del tessuto cutaneo.
Le principali manifestazioni dell’invecchiamento cutaneo sono rappresentate dalla perdita di elasticità e di turgore cutaneo e dalla formazione delle rughe: si ha una progressivo impoverimento di quell’impalcatura di sostegno costituita dal derma.
Numerosi studi hanno messo in evidenza che l’acido ialuronico si riduce gradualmente con l’età.
In dermatologia plastica l’acido ialuronico, sotto forma di denso gel viscoelastico, è utilizzato da anni come materiale di riempimento (filler), adatto a riempire il derma medio-superficiale e sollevare il fondo di rughe o cicatrici depresse.
Nei trattamenti di biorivitalizzazione cutanea si utilizza, invece, una preparazione di acido ialuronico naturale, non modificato chimicamente, più fluido, ad elevata concentrazione, capace, quindi, di legare una quantità di acqua da 40 a 70 volte superiore.
Questo prodotto, oltre a svolgere un’azione ristrutturante e intensamente idratante della sostanza intercellulare dermica (è come applicare e far agire una crema ricca di principi attivi idratanti direttamente nel derma, in profondità, dove c’è più bisogno), è dotato di bio-interattività nei confronti dei fibroblasti: li stimola a produrre collagene, elastina e ulteriore acido ialuronico endogeno, proteggendoli contemporaneamente dall’azione dannosa dei radicali liberi che si formano continuamente, in particolare durante l’esposizione solare.
Esistono due metodiche di biorivitalizzazione cutanea messe a punto dai dermatologi plastici: la tecnica “Cross-linked” e la tecnica “Picotage”.
La prima, usata nella prevenzione e cura dell’invecchiamento cutaneo, consiste nell’esecuzione di infiltrazioni intradermiche lineari in senso verticale e orizzontale che si intersecano così da formare come un reticolo di acido ialuronico su aree estese del volto e del collo (utile in particolare a livello delle guance e delle regioni perioculari, le più danneggiate dalla perdita di elasticità e di idratazione che porta a quell’antiestetico aspetto “corrugato”): prevede circa 3 sedute distanziate di circa 10-14 giorni (come trattamento urto) e sedute di mantenimento ogni 2 mesi.
La seconda è più utile in persone giovani che vogliono prevenire e contrastare l’invecchiamento cutaneo dovuto all’esposizione solare o lampade abbronzanti: si effettuano numerose microiniezioni, molto superficiali, praticamente indolori, distanziate di un centimetro l’una dall’altra, sul volto, sul collo e decolleté ed, eventualmente, anche sulle mani: la sostanza poi si distribuisce uniformemente nel derma superficiale legando acqua ed aumentando visibilmente l’idratazione e il turgore cutaneo.
E’ consigliabile effettuare 2 sedute settimanali prima dell’ esposizione solare: in questo caso si attua una prevenzione attiva del fotoinvecchiamento sfruttando in pieno l’azione di protezione anti-radicali liberi dell’acido ialuronico; le eventuali sedute di mantenimento ogni 2 mesi.
La sostanza è riassorbibile e non dà problemi di allergia. La procedura non lascia generalmente segni e gli eventuali arrossamenti, dovuti alle microiniezioni, sono in genere di lieve entità e di durata molto breve.
Come trattamento complementare e sinergico , si possono effettuare anche sedute di biorivitalizzazione mediante prodotti omeopatici con azione stimolante sul derma e ritardante sulla degradazione del collagene e dell’acido ialuronico stesso.

Dott. Francesco Antonaccio
Dermatologo Plastico a Parma
Resp. Naz. ISPLAD Dipartimento Terme e Beauty-Farm
Torna alla pagina precedente

© 2000-2017 ISPLAD International Society of Plastic-Regenerative and Oncologic Dermatology. Tutti i diritti riservati. * Powered by Be Wide