ISPLAD
ISPLADISPLAD
HOMEPAGE > Dalla stampa
Con la consulenza del prof. Antonino Di Pietro, dermatologo plastico, Presidente I.S.PL.A.D. International Society of Plastic and Aesthetic Dermatology

Ricorrere alla Dermatologia Plastica
Salute e Beauty - Maggio 2003

Di Caterina Somma

 

Grandi passi avanti nella, lotta contro l’invecchiamento cutaneo. Nasce infatti la dermatologia plastica, una nuova branca della medicina che nasce dal concetto di plasmare la pelle senza l'uso del bisturi , ma semplicemente con nuove terapie mediche e farmacologiche. Fino a qualche anno fa, modellare la pelle era , soltanto appannaggio della chirurgia.

Oggi, invece, è possibile intervenire sulla cute con sistemi meno drastici e più naturali. La dermatologia plastica diventa quindi una valida alterativa alla chirurgia che comunque, In certi casi pensiamo alla correzione di un naso aquilino, per esempio o delle orecchie a sventola - resta l'unica soluzione possibile,

 

Una nuova figura

Storicamente il dermatologo si è sempre occupato delle malattie della pelle. Ma le sempre più pressanti richieste dei pazienti su consigli e suggerimenti di natura etica hanno convinto i medici della necessità di creare una nuova figura professionale più attenta a certi problemi e più preparata ad affrontarli. “Noi dermatologi - spiega il professar Antonino Di Pietro, Dermatologo Plastico, Presidente I.S.PL.A.D. (International Society of Plastic and Aesthetic Dermatology) - abbiamo deciso di occuparci seriamente dei problemi estetici: questa è la vera novità,a livello mondiale, e noi italiani possiamo dire di essere all'avanguardia in questo campo. A fondare la Dermatologia Plastica, tre anni fa, sono stato io. Coniare questo termine a livello universitario ha sancito la nascita di un'associazione scientifica, l’I.S.PL.A.D. che in Italia raccoglie già più di 1300 dermatologi. Da quest'anno, presso l'università di Milano, esiste un corso di perfezionamento annuale in Dermatologia Plastica; è a numero chiuso e vi si accede per punteggio.” (direttore Prof. Caputo, già direttore dell’unità dermatologica di Milano, coordinatori Antonino Di Pietro e Riccarda Ferri).Invece il primo ambulatorio di dermatologia plastica è stato aperto un anno fa all'Ospedalè "Luigi Marchesi" di Inzago.

Ma cosa riesce a fare, oggi la dermatologia plastica e quali sono i suoi obiettivi futuri? Risponde il professor Di Pietro: “Oggi siamo in grado di aiutare i tessuti a vivere meglio: con interventi minimi riusciamo a dare al paziente un viso più sano, fresco, rilassato, come al ritorno da una vacanza…In futuro dobbiamo riuscire sempre di più a capire i meccanismi, che: si inceppano nella vita cellulare e che portano all’invecchiamento, per cercare di rallentare questo processo”.

 

In concreto

Ma come agisce un dermatologo plastico sulla nostra pelle? Aiutandola a restare sana quindi giovane. In che modo? Attraverso una serie di trattamenti che mirano a stimolare la cute, aiutandola a rinnovarsi. Con queste tecniche si possono eliminare le macchie del viso, attenuare le rughe e le smagliature, curare la cellulite. La dermatologia plastica può dare molte soluzioni, soprattutto quando non si vuole cambiare in maniera eclatante l'espressione del viso e del corpo. Ma non solo. È ottima anche per prevenire uno stato patologico, unica per migliorare l'accettazione del proprio corpo.

 

Cosa si può fare per il viso

I trattamenti viso hanno come caratteristica quella di riuscire a stimolare al massimo i tessuti con terapie non invasive. Per far questo è possibile far ricorso ai filler – materiali di riempimento, del tutto riassorbibili - come collagene e acido ialuronico, due sostanze che l’organismo riesce a “digerire”. L’utilizzo di queste sostanze evita tutte le reazioni da corpo estraneo che possono verificarsi con l’uso di materiali permanenti o non riassorbibili, come il silicone e i metacrilati in genere. Sarà cura del dermatologo scegliere il tipo di materiale e la sua concentrazione per ciascun tipo di problema (in generale si usano materiali più compatti per 1e rughe più profonde, più fluide per la zona occhi). Per migliorare il turgore e 1’elasticità dei tessuti, combattere la perdita di tono, si effettua la bio-stimolazione, terapia che utitilizza enzimi, acido ialuronico a basso peso molecolare (molto fluido) e aminoacidi che vengono iniettati a pochi millimetri nella pelle. Esiste poi tutta una serie di peeling – esfoliazione molto superficiali con cui si eliminano gli strati più superficiali della cute: servono a ottenere un'epidermide più compatta, più liscia, per avere una maggiore luminosità e un colore più uniforme. Le macchie cutanee si eliminano invece con l’utilizzo do sostanze acide: acido glicolico, acido salicilico e tricloro acetico (tCA), a seconda del tipo di problema (superficiale, medio o profondo). Recentemente vengono uti1izzate anche miscele di più acidi. Infine, come strumento di trattamento estetico va nominato il laser erbium.Dimenticati quelli invasivi di qualche anno fa, oggi si utilizzano dei soft-laser come il laser a erbium per fare un "resurfacing" o esfoliazione. È un trattamento così leggero che il paziente può tornare: subito in ufficio.

 

Gli interventi

I dermocosmetici sono prodotti contenenti principi attivi ad azione esfolianti, stimolante, idratante e antiossidante, quali gli alfa e beta idrossiacidi, l’acido ascorbico (vitamina C), il tocoferolo (vitamina E), l’acido ialuronico, veicolati in varie preparazioni: maschere, gel, creme, tonici, oli. Tra quelli dermochirurgici troviamo il peeling chimico superficiale e medio-profondo (consiste in una distruzione controllata degli strati della cute ottenuta mediante l’applicazione di sostanze acide), gli impianti intradermici di acido ialuronico a scopo di riempimento o di biorivitalizzazione, la dermoabrasione, la diatermocoagulazione temporizzata, il laser sesurfacing, il trucco permanente.

(Con la consulenza del dott. Francesco Antonaccio – Dermatologo Plastico in Parma).

 

La prima visita

Per prima cosa, il dermatlogo plastico fa un esame accurato della vostra pelle: esegue la misurazione del pH (1'acidità della superficie cutanea), del grado di idratazione, dello spessore dello strato corneo. In questo modo è in grado di rilevare eventuali squilibri latenti (non visibili) nella fisiologia della pelle e stabilire lo stato e i bisogni della vostra pelle in quel momento. Il dermatologo metterà in evidenza i problemi estetici già presenti: tra quelli più frequenti l'acne e i suoi esitici cicatriziali o iperpigmentari, la couperose, le macchie discromiche, le cicatrici da varicella o da traumi, le rughe (principale segno di invecchiamento cutaneo), la seborrea, la cute secca e sensibile, gli xantelasmi, l'ipertricosi. Bisogna dire che in una visita di questo genere il dialogo col paziente è indispensabile per analizzare eventuali ripercussioni negative di certi problemi sulle capacità relazionali, le aspettative di miglioramento e per decidere le cure da eseguire. Gli inestetismi cutanei del viso spesso riconoscono molte cause, pertanto è necessario effettuare trattamenti molteplici, integrati, però, in un programma correttivo strettamente personalizzato, compatibile con le abitudini e gli impegni sociali e lavorativi. Il medico potrà quindi consigliare e prescrivere integratori, vitamine, amminoacidi, sali minerali, tutte sostanze estremamente importanti per aiutare la pelle a vivere meglio. Indicherà poi i cosmetici e i fotoprotettori più adatti per migliorare lo stato dell'idratazione cutanea, Solo in un secondo momento interverrà con le terapie. Esse possono essere eseguite a domicilio o durante i "programmi urto" delle "settimane benessere", possono essere di tipo dermocosmetico e di tipo chirurgico, In ultimo, ma non meno importanti, menzioniamo tutto il "corredo" di consigli che il dermatologo plastico fornirà al paziente per far sì che la terapia abbia successo.Un esempio? Evitare di esporsi al sole dopo un peeling...

Torna alla pagina precedente

© 2000-2017 ISPLAD International Society of Plastic-Regenerative and Oncologic Dermatology. Tutti i diritti riservati. * Powered by Be Wide