ISPLAD
ISPLADISPLAD
HOMEPAGE > News
di Giuseppe Parodi

Occhio: se ti sfreghi... ti freghi!
di Giuseppe Parodi
Le palpebre costituiscono una sede molto frequente di patologia dermatologica le cui cause prevalenti sono costituite dalla dermatite da contatto, irritativa e allergica, la fotodermatite, la dermatite atopica, l'orticaria da contatto, la dermatite seborroica e la rosacea (per citare solo quelle che più interessano la dermatologia plastica).

Uno studio del Prof. Guin, apparso su un recentissimo numero dell'American Academy of Dermatology, ha focalizzato in maniera puntuale le diverse eziologie della dermatite palpebrale, così frequente e così complessa anche quando si presenti in forme clinicamente non dissimili. Dati molto interessanti si ottengono anche dalla Zoe Diana Draelos, famosa cosmetologa statunitense.

Le sostanze cosmetiche sono tra le cause più frequenti della dermatite da contatto e vanno studiate non solo con i patch standard ma anche con i materiali portati dai pazienti. Oltre alla lanolina e ai profumi, nuovi antigeni sono ormai stati identificati: tra questi sempre maggiore importanza sta assumendo la cocamidpropilbetaina, contenuta in molti shampo e in molti prodotti quali saponi, prodotti per la rimozione del make up e nelle soluzione per lenti a contatto.

Il nickel è una sostanza che si trova comunemente nel mascara, negli ombretti, nelle matite per sopracciglia. Inoltre è stato dimostrato che pazienti con sensibilità al nichel possono trasferire con le mani particelle di nichel alle palpebre; ad esempio alcuni casi di dermatite palpebrale scomparvero dopo che venne cessato l'uso della limetta per le unghie.
Anche la colofonia è un aptene molto frequente che può essere trasferito in zona oculare (foto 1), così come la gomma perché può esere facilmente trasferita in piccola quantità dalla superficie degli oggetti alla palpebra stessa.
Una causa possibile di dermatite palpebrale è costituita dall'oro (l'oro è stato definito "l'allergene dell'anno" dalla società americana delle dermatiti da contatto)

I prodotti per le unghie sono noti da tempo come possibili cause di eczema palpebrale. Tra questi vanno distinti gli smalti contenenti resine e unghie artificiali contenenti metacrilati e cianoacrilati. Spesso la dermatite alle palpebre si manifesta senza altri segni di alterazioni ungueali e può colpire il personale addetto alla lavorazione delle unghie artificiali.
Altre sostanze responsabili di dermatite allergica possono essere costituite dai conservanti, dagli antiossidanti dei prodotti cosmetici (quali l'idrossianisolo butilato)

La dermatite da contatto irritativa non allergica si caratterizza per la negatività dei patch test. Gli ultimi studi tendono a ridimensionarne l'incidenza; comunque è noto l'effetto irritativo dei prodotti per rimuovere i cosmetici palpebrali in quanto provocano un danneggiamento della barriera cutanea.

Un'altra causa di dermatite palpebrale è la dermatite atopica o costituzionale: bisogna però considerare che gli stessi atopici possono anche avere un'allergia da contatto alle proteine: in questi soggetti è spesso positivo il patch test agli acari della polvere. E' anche possibile che le manifestazioni palpebrali possano essere associate a sintomi respiratori quali rinite e asma: sono stati descritti dei casi legati all'allergia al lattice. In questi casi può essere utile eseguire un Rast al lattice o un prick test.

La dermatite seborroica, inoltre, può essere la sola causa di eczema palpebrale, ma non di rado è associata a dermatite da contatto e dermatite atopica. La stessa rosacea può indurre una blefarite, spesso associata ad altri segni visibili sul viso: il suo riconoscimento e conseguente terapia è importante per evitare la progressione verso la cheratite. L'uso prolungato di creme cortisoniche può indurre in sede palpebrale delle manifestazioni analoghe a quelle della dermatite periorale ("steroid rosacea").

In definitiva si può affermare che il riconoscimento dell'agente eziologico di una blefarite è un compito complesso del dermatologo plastico sia dal punto di vista dell'anamnesi che delle metodologie diagnostiche.

Dott. Giuseppe Parodi
Dermatologo a Genova
Torna alla pagina precedente

© 2000-2017 ISPLAD International Society of Plastic-Regenerative and Oncologic Dermatology. Tutti i diritti riservati. * Powered by Be Wide