ISPLAD
ISPLADISPLAD
HOMEPAGE > News
di Ivano Luppino

Il Laser Erbium:YAG nel ringiovanimento cutaneo
di Ivano Luppino








L’arte del ringiovanimento è un argomento che suscita vivo interesse da secoli. Già gli antichi Egizi (papiro di Ebers ) facevano largo uso di sostanze quali il latte acido, fanghi, impacchi vegetali, hennè e caolino.
In realtà un vero approccio scientifico al problema si è avuto negli ultimi decenni e l’attenzione si è rivolta allo studio di concrete terapie antiaging poiché il desiderio di ringiovanire permea la nostra società e la richiesta di nuove procedure ringiovanenti aumenta sempre più da parte di una popolazione attenta all’apparir belli.
L’area facciale rappresenta la zona di più alto interesse per il pubblico e i medici hanno trattato, per anni, la cute di questo distretto per i danni da fotoesposizione rimuovendo l’epidermide e una parte variabile del derma con varie modalità.
Ma l’impiego di Acido Retinoico e derivati, Vitamina C topica, fotoprotettori e antiossidanti (topici o per via generale) utilizzati per la prevenzione o per invertire il processo di fotoinvecchiamento, o l’utilizzo di agenti chimici per i peeling (Acido Glicolico, Piruvico), capaci di rimuovere strati superficiali di cute, non hanno determinato ampia soddisfazione in chi desidera un più radicale intervento ringiovanente.
Recentemente, con l’affinamento della tecnologia, alla lista delle opzioni terapeutiche si è aggiunto l’impiego della luce LASER (Light Amplification through Stimulated Emission of Radiation).
Semplificando, il laser è un sistema capace di produrre ed amplificare una luce, particolare e caratteristica, derivante da un’emissione stimolata di radiazioni.
Nel corso degli ultimi anni sono state commercializzate apparecchiature laser per il ringiovanimento cutaneo che hanno lo scopo di ridurre al minimo i danni termici per diffusione e che, quindi, possono ottenere quella precisa fotoablazione cutanea che è requisito fondamentale per un’ottimale azione ringiovanente.
Il Laser ad Erbium (Er:YAG) si è rivelato uno strumento particolarmente valido nella conduzione del rimodellamento epidermico e del derma superficiale.
Il laser ad Erbium soddisfa pienamente le aspettative sia del medico che del paziente poiché è preciso e controllabile, assicurando una piena ripresa in poco tempo.
Questa sorgente laser produce una radiazione infrarossa con un’altissima affinità per l’acqua dei tessuti, superiore a quella del laser CO2 svolgendo, quindi, un’azione meno aggressiva per i tessuti.
Più specificatamente, quando il flusso energetico fornito dal raggio laser raggiunge una soglia sufficientemente alta (soglia di ablazione) si verifica la fotoablazione tissutale.
Più semplicemente gli impulsi laser impattano la superficie cutanea eliminando per strati successivi le cellule danneggiate dal tempo e dal sole.
Il Dermatologo è spesso il primo specialista consultato dal paziente per le tecniche di ringiovanimento. Lo specialista deve, senza riserve, indicare le cause reali del difetto, le potenzialità di intervento, le complicanze e i possibili miglioramenti.
Le indicazioni del trattamento con laser Er:YAG sono rappresentate dal ringiovanimento del viso (rughe peribuccali e periorbitali), del collo, mani, avambraccia; anche le cicatrici post-acneiche e da varicella rispondono al laser Er:YAG come pure le cicatrici traumatiche le cheratosi attiniche, gli xantelasmi, tatuaggi professionali superficiali, verruche piane del viso e volgari e tutte le lesioni epidermiche (anche alcuni nevi) benigne che non necessitano di controllo istologico.
Come per ogni intervento estetico è fondamentale la selezione del paziente, comprendendo le sue aspettative.
Al primo consulto si spiegheranno, anche attraverso l’utilizzo di fotografie, la tecnica, i limiti dell’intervento e la gestione del periodo post-operatorio.
Per le caratteristiche peculiari del laser Er:YAG è possibile , per la maggior parte dei casi, utilizzare solo anestesia topica in crema senza ricorrere ad anestetici per infiltrazione.
Ottenuto il rimodellamento desiderato, si stimola, con opportuna tecnica, il processo di retrazione orizzontale delle fibre di collagene che si traduce in un miglioramento degli effetti degenerativi indotti dal fotoinvecchiamento.
Dopo l’intervento si medica la zona trattata, consegnando al paziente le norme
post-operatorie.
I tempi di recupero sono molto rapidi: dopo circa otto giorni i pazienti riprendono la loro abituale vita di relazione con opportuno make-up.
A differenza di altre metodiche, il Laser ad Erbium permette una guarigione più rapida con minor disagio del paziente per l’assenza di danni termici. L’eritema persisterà per circa
20-30 giorni e i risultati estetici finali saranno ottimi.

Da qualche tempo esiste, altresì, la possibilità che pazienti con danni da fotoinvecchiamento lievi possano richiedere un trattamento laser meno invadente e con restituzione alla normale vita di relazione entro pochissimi giorni ( 3-4 ).
Questa nuova metodica denominata Lasy-peel è possibile per la versatilità che il sistema laser Er:YAG possiede.
Pazienti di età giovanile o chi ha la necessità di migliorare il proprio aspetto cutaneo prima di un evento importante può ricorrere a questo trattamento che non richiede alcuna anestesia né preparazioni particolari della pelle su cui intervenire proprio per la scarsissima profondità d’azione.
Con il Lasy-peel, infatti, si riescono ad eliminare strati superficiali di pelle senza effetti collaterali degni di nota e consentendo di ottenere risultati visibili entro breve tempo e con una singola seduta rispetto a peeling tradizionali (Ac.Glicolico, Ac.Piruvico o TCA) che dimostrano la loro attività più lentamente.
Dopo l’intervento residua solamente un rossore per circa 24-36 ore, seguito dalla superficiale esfoliazione della pelle, a piccoli lembi, che si conclude in circa 48 ore e che comunque può essere facilmente mascherata con opportuni cosmetici.
Il trattamento effettuato durante il week-end consentirà al paziente di guarire in tempo per tornare al lavoro il lunedì successivo.
Questa metodica può essere ripetuta al bisogno ma manterrà, comunque, gli effetti visibili per qualche mese anche in considerazione del fatto che l’energia laser ceduta alla pelle stimolerà la produzione di nuovo collagene rendendo anche possibile un buon effetto lifting temporaneo.


Dr. Ivano Luppino

Dermatologo Plastico a  Milano, Roma, Catania
Responsabile Nazionale Dipartimento Laser

Torna alla pagina precedente

© 2000-2017 ISPLAD International Society of Plastic-Regenerative and Oncologic Dermatology. Tutti i diritti riservati. * Powered by Be Wide